ODISSEA

 

Odissea è un viaggio, è il risultato finale del lavoro svolto all’interno delle strutture carcerarie di Modena e Castelfranco Emilia e in sala prove tra riunioni e discussioni a distanza, prove da remoto e riprese video in teatro. Un viaggio diventato sfida che ha preso forma dopo oltre tre anni di ricerca, prove e confronto. Le avventure dell’eroe greco che torna a Itaca vengono descritte attraverso i corpi e le parole di interpreti molto diversi per formazione e pratica. I fili conduttori restano l’opera di Omero e il racconto dell’umanità di fronte a ogni contrarietà.

 

Le tappe della creazione

 

2020

Il lavoro è proseguito in diverse tappe; nel 2020 con Odissea Web, il film realizzato da Raffaele Manco e Stefano Tè con il materiale video che documenta le prove da remoto con gli attori del Carcere di Modena e del Carcere di Castelfranco Emilia. Un racconto che raccoglie le voci, i volti, gli scritti degli attori detenuti, il modo che il Teatro dei Venti ha trovato per trasformare un limite – la sospensione delle prove in presenza – in una opportunità di creazione artistica.

 

 

2021

Nel 2021 il progetto continua con Odissea Radio, il radiodramma in 12 episodi, registrato interamente in Carcere, che si può ascoltare in podcast su Cosmic Fringe Radio https://cosmicfringeradio.com/podcastfilter/odissea-radio/

L’opera è un flusso poetico di tre ore durante il quale gli spettatori hanno attraversato gli spazi e le stanze del carcere, un tempo sospeso nel quale ognuno diventa parte di un equipaggio, un viaggio in cui ogni soglia varcata si apre su un teatro.

Il progetto “Odissea” è stato reso possibile grazie alle Direzioni delle Carceri, al PRAP – Provveditorato dell’Amministrazione Penitenziaria, al Coordinamento Teatro Carcere Emilia Romagna, agli agenti, agli educatori, al Comune di Modena, al Comune di Castelfranco Emilia, Fondazione di Modena e BPER Banca, oltre che alla generosità dei cittadini che hanno donato i computer e l’attrezzatura informatica necessaria per le prove da remoto (aprile-giugno 2020).

Una produzione del Teatro dei Venti con il sostegno della Regione Emilia-Romagna. Nell’ambito dei progetti Abitare Utopie, co-finanziato dalla Fondazione di Modena, e Freeway, co-finanziato da Creative Europe.

 Il progetto Freeway è realizzato con i partner aufBruch (Germania), Fundacja Jubilo (Polonia) e UPSDA (Bulgaria) e promuove la creazione artistica, la formazione, l’audience development e lo scambio di buone pratiche di Teatro in Carcere a livello europeo.

Con Vittorio Continelli, gli attori e le attrici delle Carceri di Modena e di Castelfranco Emilia, attori e allievi attori del Teatro dei Venti. Costumi Beatrice Pizzardo e Teatro dei Venti. Allestimento Teatro dei Venti. Drammaturgia Vittorio Continelli, Massimo Don e Stefano Tè. Assistenza alla regia Massimo Don. Regia Stefano Tè.

 

I percorsi di creazione all’interno del Carcere di Castelfranco Emilia sono stati realizzati con il sostegno del Comune di Castelfranco Emilia, del Coordinamento Teatro Carcere Emilia Romagna e della Fondazione di Modena nell’ambito di “Abitare Utopie I edizione”.

 

 

 

2022

Lo spettacolo “Odissea”, rappresentato all’interno della Casa di Reclusione di Castelfranco Emilia (MO),  ha aperto la  decima edizione di Trasparenze Festival, che si è tenuta nei mesi di maggio e di luglio 2022, a Modena, Castelfranco Emilia e Gombola.

 “Odissea” è un’ulteriore occasione di collaborazione tra ERT / Teatro Nazionale e il Comune di Castelfranco Emilia sul territorio, rappresentato in attesa di inaugurare il Teatro Dadà dopo i lavori di ristrutturazione.

Uno spettacolo prodotto da Teatro dei Venti, in coproduzione con ERT / Teatro Nazionale, con il sostegno della Regione Emilia Romagna, con il contributo della Fondazione di Modena nell’ambito del progetto “Abitare Utopie II edizione”, con il contributo di BPER Banca, in collaborazione con il Coordinamento Teatro Carcere Emilia Romagna.

Drammaturgia Vittorio Continelli, Massimo Don e Stefano Tè. Regia Stefano Tè (Premio Ubu 2019 per l’allestimento scenico di Moby Dick). Con Alessandra Amerio, Vittorio Continelli e gli attori del Carcere di Castelfranco Emilia, attori e allievi attori del Teatro dei Venti. Costumi Beatrice Pizzardo e Teatro dei Venti. Allestimento Teatro dei Venti. Assistente alla regia Massimo Don.

 

I percorsi di creazione all’interno del Carcere di Castelfranco Emilia sono stati realizzati con il sostegno del Comune di Castelfranco Emilia, del Coordinamento Teatro Carcere Emilia Romagna e della Fondazione di Modena nell’ambito di “Abitare Utopie II edizione”.

 

 

 

 

 

 

 

Cambia lingua »