Teatro dei Venti - MODENA

Follow Us on

Workshop di tessuti aerei 8-9 aprile

Workshop di tessuti aerei 8-9 aprile

condotto da amalia ruocco

Terzo appuntamento del Workshop di tessuti aerei e corda, condotto da Amalia Ruocco negli spazi del Teatro dei Segni di Modena sabato 8 e domenica 9 aprile.
La danza aerea è un linguaggio che può trasmettere a chi guarda pensieri ed emozioni, una disciplina impegnativa, ma altrettanto avvincente. Come per ogni linguaggio e per ogni disciplina, solo una buona conoscenza della grammatica e delle tecniche corrette permette di potersi esprimere al meglio. Solo lo studio approfondito della lingua dà un più ampio raggio di scelta e permette un’espressione ricercata e personale. Obiettivo del laboratorio è la formazione di una capacità creativa a partire dall’acquisizione di nuove capacità tecniche.

“Nella mia stessa ricerca da allieva – dice la docente – ho capito che insegnare qualcosa può comportare la distruzione di quel che già esiste, quindi ciò che cerco di fare è portare i partecipanti a questo “esperimento” a trovare in se stessi nuove e sconosciute strade, mettendo in discussione quelle più comode e consuete”.

Percorso realizzato nell’ambito del progetto Urban Theatre Experience, sostenuto da Funder 35 – fondo per l’impresa culturale giovanile.

9 aprile dimostrazione di lavoro aperta al pubblico

Il percorso si è sviluppato attraverso tre appuntamenti, con un lavoro intensivo suddiviso su due giornate con quattro ore di impegno al giorno.
Il workshop condotto da Amalia Ruocco permette di passare attraverso una piccola creazione personale, toccando i punti fondamentali della ricerca creativa:
- la tecnica come grammatica di base da distorcere e manipolare
- la musica e il silenzio come partner, l’esplorazione del ritmo
- il rapporto con lo spazio dell’attrezzo e con lo spazio esterno all’attrezzo
- la fluidità della sequenza e l’attenzione alle transizioni tra i diversi tricks
- l’esplorazione di diverse qualità di movimento
- la suggestione di elementi esterni: immagini, testi, stati d’animo, ecc.

Al termine dell’intero percorso sarà realizzata una performance aperta al pubblico durante la quale i partecipanti potranno mettere alla prova il lavoro fino ad allora svolto.

Ogni singolo appuntamento è stato strutturato in tre parti:

RISCALDAMENTO E PRIMI APPROCCI CREATIVI
1 ora circa. Un corpo che si muove bene al suolo è un corpo perfettamente a suo agio in aria. Il primo approccio al lavoro avviene quindi a terra, attraverso un mix di esercizi e sequenze derivate dalla danza contemporanea, l’acrodanza, il floor work, lo yoga e la preparazione fisica , che ci permettono di riattivare e riscaldare il corpo ma anche di entrare in confidenza con la tipologia di lavoro e con il gruppo; fin da questa fase si realizzeranno infatti delle piccole sequenze su musica per approcciarsi immediatamente al lavoro in maniera creativa ed “attiva”, non da semplici esecutori.

LA GRAMMATICA DELL’ARIA
2 ore circa. Dopo aver verificato il livello del gruppo verranno mostrate nuove figure sull’attrezzo, sia trick singoli che piccole sequenze, per implementare il proprio bagaglio tecnico

ESPERIMENTI POETICI
1 ora circa. Con i nuovi elementi tecnici acquisiti e il proprio linguaggio personale già posseduto si creeranno sequenze, concatenazioni, approfondimenti su tricks singoli e/o accorpati; elementi con i quali sarà possibile giocare e sperimentare.

AMALIA RUOCCO

Chi sono
Nasco a Napoli e da li parte la mia avventura artistica, attraverso il teatro fisico e di ricerca, la danza contemporanea e il Mimo Corporeo Astratto. Intanto studio, mi laureo in Beni Culturali con una tesi sulla Compagnia della Fortezza di Armando Punzo, mentre cresce la volontà di approfondire la ricerca corporea oltre i limiti ordinari. Così mi avvicino al circo, senza perdere la dimensione teatrale ed espressiva, e nel 2009 mi trasferisco a Bologna, dove frequento il corso superiore di Nouveau Cirque della scuola di Teatro “Alessandra Galante Garrone”. Decido poi di perfezionare il mio percorso circense alla Flic di Torino, specializzandomi in corda aerea ed inaugurando una nuova ricerca di acrodanza. Terminato il percorso professionale ho continuato e continuo tutt’ora ad approfondire la mia formazione in Italia e all’estero, mescolando l’acrobatica aerea alla danza contemporanea ed avvicinandomi alle verticali, il mano a mano e al tossing con nuovi compagni di ricerca. Ho studiato acrobatica aerea con Nicole Kerbergher, Ariande Gilabert (Cirque Baroque), Elena Timpanaro, Elia Amon (Cirque du Soleil), Elodie Donaque (Le Cardage), Agostina Recinella (Circo Paniko), Enrico Astegiano, Elsa Caillant, Roman Fedin; clown ed improvvisazione con Andrè Casaca, Raimond Peyramaure; danza contemporanea con Fabrizio Varriale e Chiara Alborino, Martina la Ragione, Roberto Olivan, Peter Jasko, Anton Lachky – prendendo parte alla performance “A Demain” realizzata per la Biennale Danza di Venezia nel 2014 – Piergiorgio Milano, Erika Bettin (compagnia Finzi Pasca), Giorgio Rossi, Eleonore Valere, Tery Janette Weikel, Jos Baker, Ivan Mijacevic, Tom Weksler, Adriana Borriello – prendendo parte alla performance “La conoscenza della non conoscenza” realizzata per la Biennale Danza di Venezia nel 2016 – verticali con Luca Forte (Circo Rasposo), Christelle Dobois (Espace Catastrophe); mano a mano e tossing con Elsa Bouchez e Philippe Droz, Daniele Sorisi (Magda Clan); creazione con Roberto Magro, Firenza Guidi (No Fit State), Circo El Grito – prendendo parte ad un laboratorio di creazione per il Maggio all’Infanzia del Teatro Kismet di Bari.
Attualmente collaboro con le compagnie Somantica Project e Teatro dei Venti di Modena, con il Piccolo Nuovo Teatro di Bastia Umbra, con il Teatro nel Baule di Napoli come danzatrice/attrice per il progetto “Desidera”; con la compagnia Zaches Teatro (Scandicci) per la realizzazione dell’opera lirica “Il Gatto con gli Stivali” presso il Teatro Regio di Parma, insegno acrobatica aerea in tutta Italia e porto in giro il mio nuovissimo solo “Qualcosa sulla felicità”.

COSTO: 80 euro per ciascun appuntamento.
Possibilità di sconti nel caso di partecipazione a più incontri.

    Per confermare la propria iscrizione bisogna versare entro il 3 aprile un acconto di 50€

  • bonifico bancario sul conto intestato a Teatro dei Venti IBAN: IT54T0538712906000001870794
  • contanti o assegno presso la segreteria del Teatro dei Venti in via San Giovanni Bosco 150 in orari di ufficio.

Possibilità di OSPITALITÀ per i fuori sede.

Per partecipare al Workshop è necessaria la Tessera ARCI 2017, che è possibile fare all’atto dell’iscrizione.

Per informazioni tecniche sul workshop e sulla scelta del percorso per esperti o principianti contattare la docente Amalia Ruocco: amalia.ruocco@libero.it – 339 1533334

Per informazioni sulle modalità di iscrizione contattare la segreteria del Teatro dei Venti.

Teatro dei Venti, Via San Giovanni Bosco 150 – Modena
info@teatrodeiventi.it Tel. 059 7114312389 7993351

Posted by Teatro dei Venti / Posted on 20 mar
  • acrobatica, Modena, tessuti aerei, Workshop
  • Post Comments 0